giovedì 7 aprile 2016

Cpi Pensiola sorrentina protesta contro la decadenza dell'artigianato locale

Nella notte tra il 6 e il 7 aprile, a Sorrento, sulle serrande ormai chiuse di molti laboratori artistici e per le vie di maggior afflusso turistico, sono state affisse numerose locandine che paragonavano il passato glorioso dell'artigianato locale e il totale abbandono di tali attività ai giorni nostri .

CasaPound penisola Sorrentina, con quest'azione, cerca di provocare una reazione nelle istituzioni locali che pubblicizzano tuttora l'artigianato locale come eccellenza, quando in realtà le attività locali sono andate perdute a causa della globalizzazione che favorisce l'importazione di prodotti lavorati in paesi dove la manodopera costa meno e lavoratori e produttori in molti casi sono sfruttati e sottopagati.

Oltre alla protesta, la proposta di CasaPound è quella di far attuare politiche economiche volte a far risorgere queste antiche maestranze in modo da creare nuovi posti di lavoro per i giovani disoccupati, ma anche di tutelare e salvaguardare le tradizioni locali.


Nessun commento:

Posta un commento